Dove si va... - Dove si va...

Dove si va... di Pietro Zanarini

RSS Feed

iPad e quotidiani su internet: che Zucconi!

Ipad-baer

"Bello, ora mi basta caricare la app LatteMacchiato…" pensa l'orsetto raffigurato da un blogger tedesco. E, in effetti, non c'è news che non inneggi alle mirabilie e alle migliaia di utilizzi di questo iPad che oggi è uscito anche in Italia.

Repubblica e Vittorio Zucconi fanno dell'iPad il nuovo paladino della stampa e della libertà:

"nel momento in cui in Italia si cerca di imbavagliare l'informazione, il nostro giornale atterra per primo su un pianeta di pochi centimetri quadrati dove la libertà è senza limiti" [ma per ora la versione iPad di Repubblica è decisamente limitata ad un banale PDF più qualche video…]

E anche:

"è il sogno che per decenni chi non poteva coprire la distanza fra la casa, la fermata dell'autobus e l'edicola, aveva cullato senza poterlo realizzare" [ma chi erano questi che non potevano passare dall'edicola?]

E, a forza di iperboli, si lanciano nella gran balla finale:

"Il limite, oggi, è oltre un orizzonte che non conosciamo, ma verso il quale noi di Repubblica per primi fra tutti i quotidiani e le aziende editoriali italiane cominciammo a muoverci con Repubblica.it, quando ancora Internet era un faticoso esperimento per pazienti navigatori a vela, se non oggetto di sarcasmi e ironie sussiegose"

Eppure sanno bene che Repubblica.it è nato nel 1997 (come ricordava, un anno dopo, lo stesso Zucconi), mentre UnioneSarda.it era già nata tre anni prima, nel 1994 (come io stesso ricordavo in questo post 15 anni dopo… 😉